Quei sedentari che si allenano ogni giorno!

Argomento della 261° puntata - 28-10-2016:

Probabilmente tutti quelli che vanno in palestra con regolarità sono convinti di essere delle persone attive e ben lontane dal concetto di sedentarietà. Ma ad analizzare meglio la questione emerge un dato tutt’altro che confortante.

Lo studio è stato condotto in Finlandia monitorando un campione di soggetti iscritti in palestra e analizzando la differenza tra giorni di allenamento e giorni di riposo rispetto alla percentuale di tempo di effettiva attività. Nei giorni di allenamento la maggior parte delle persone resta seduta per il 68% del suo tempo, contro un 72% di tempo delle giornate in cui non ci si allena, determinando un incremento nel dispendio energetico di appena il 13% in più.

Se il regolare allenamento resta certamente un’ottima abitudine, questo non è sufficiente se l’obiettivo è quello di beneficiare dei vantaggi sul fronte salutistico connessi con una vita attiva, in questo caso occorrerebbe sfruttare nel corso della giornata ogni utile occasione per muoversi, anche con impegni modesti (la famosa rampa di scale al posto degli ascensori, la bici al posto dell’autobus, ecc.)

Viceversa ci si ferma ad un allenamento “riparatore” (per colmare un eccesso calorico) o finalizzato all’ostentazione della propria fisicità. Entrambi motivi ragionevoli e rispettabili ma che non tengono conto dei benefici in ordine preventivo sulla propria salute.

Restare seduti per 8 ore al giorno incrementa infatti del 15% il tasso di mortalità, rendendo infine tutti analoghi ad un perfetto sedentario, se non all’apparenza… certamente nella sostanza.