Prodotti fitness e alimenti light… perfetti per ingrassare!

Argomento della 263° puntata - 08-11-2016:

Ormai da diversi anni il marketing ha ben compreso che esiste una florida fetta di mercato fra tutti coloro combattono ogni giorno contro un girovita che avanza, desiderosi di perdere peso ma probabilmente confusi sulla corretta strategia da intraprendere.

In questo filone si inseriscono i prodotti fitness, cibi e alimenti light che sembrano studiati appositamente per aiutarci a perdere e controllare il nostro stato di forma ma che, nella realtà dei fatti, sono spesso la principale causa dell’insuccesso. L’idea che un cibo sia light o riporti al denominazione “fitness” ci fa abbassare la guardia, la soglia dell’attenzione si riduce e diamo per scontato che non rappresenti un reale problema e che probabilmente non incida in modo così netto sul bilancio calorico giornaliero.

Le stesse confezioni, spesso in pratiche barrette che è possibile portare sempre con se, divengono un facile rifugio nei momenti in cui la fame nervosa o la noia ci spingono a mangiare. Mangiamo a cuor leggero e spesso in quantitativi maggiori, superando abbondantemente la quota calorica che avremmo normalmente introdotto accedendo alla medesima versione del prodotto “normale”.

Fermo restando che il semplice calcolo calorico poco ci dice su cosa effettivamente accadrà nel nostro corpo una volta assunto un cibo, in ogni caso se facessimo un confronto fra il contenuto di uno snack light e la sua versione che non lo è, ci renderemmo conto che non esiste una grande differenza, e che viene ben presto compensata da un maggiore impiego.

Non è finita, l’aspetto più grave è connesso all’idea che spesso ci si forma, che sia sufficiente alimentarsi in questo modo per dimagrire, piuttosto che intraprendere una attività sportiva, e quindi uno stile di vita attivo con tutte le benefiche ripercussioni che può produrre. Un cibo targato “fitness” non sostituisce lo sport e non produce reali vantaggi per la salute.

Come se non bastasse è stato condotto uno studio specifico partendo da un campione di persone desiderose di dimagrire, a tutti è stato offerto per un certo lasso temporale uno snack a scelta, fra barrette a base di frutta secca e cerali, e barrette definite fitness con sopra impressa anche la foto di un paio di scarpe da ginnastica. E’ stato osservato il comportamento da parte del gruppo che aveva scelto un tipo e quello che ne aveva scelto un altro, riscontrando non solo una maggiore propensione a mangiare un numero più cospicuo di barrette da parte di chi aveva scelto il prodotto light, ma ad una più accurata indagine che prevedeva di sottoporli ad un allenamento, questo stesso gruppo era quello che impostava un livello di intensità inferiore!

Il fitness andrebbe praticato, e nessun prodotto figlio del marketing lo può efficacemente sostituire, per quelli che proprio non possono farne a meno, una mela da sgranocchiare si rivela fin dalla storia dell’uomo lo snack light per eccellenza… soprattutto prima di un allenamento!