Palestra: i 4 istruttori che non vorresti mai incontrare

Argomento della 137° puntata - 26-11-2013:

Il cuore di una palestra non e’ dato dagli attrezzi moderni o dall’arredamento alla moda, ma dall’istruttore deputato a seguire gli iscritti! E’ la sua professionalita’ che puo’ fare la differenza tra il raggiungimento di un risultato o l’abbandono di un obiettivo. Per questa ragione oggi segnaliamo le quattro tipologie di istruttori capaci di compromettere anche il miglior piano di allenamento.

1) quelli che non prestano la minima attenzione ai nuovi arrivati, si limitano a dare una scheda scopiazzata da internet o da qualche rivista, spiegano frettolosamente gli esercizi, per poi tornare a pavoneggiarsi davanti allo specchio o cercare di rimorchiare ogni ragazza che capita a tiro;

2) quelli che vogliono sostituirsi a qualunque altro professionista, e quindi si spingono a fare una dieta al cliente o chiedono di vedere gli esami medici, o danno suggerimenti su farmaci e altri prodotti che esulano dalle loro competenze;

3) quelli che tutto sembrano tranne istruttori, nessuno li ha mai visti allenarsi, e la loro forma fisica lascia parecchio a desiderare. Non che l’istruttore debba essere un atleta in perfetta forma, la cosa fondamentale e’ che sia preparato e sappia fare il suo lavoro, ma se si presenta con 20kg di sovrappeso, svogliato e annoiato, c’e’ da chiedersi con quanta passione segua la strada che invece indica agli altri;

4) quelli che non si aggiornano mai, e sono rimasti a teorie e soluzioni di mezzo secolo fa, spesso figlie del passaparola e delle chiacchiere dello spogliatoio. Se poi ancora li sentite parlare di esercizi per gli addominali alti e addominali bassi, e magari ve li fanno fare per dimagrire… e’ proprio il momento di scappare a gambe levate.