L’esercizio fisico contro il dolore e la depressione

Argomento della 205° puntata - 26-05-2015:

Secondo studi recenti condotti rispettivamente presso la China Medical University di Taiwan e mediante una review che ha analizzato numerosi studi pregressi, sono emerse queste due interessanti conferme.

Su un primo fronte l’attività fisica si è dimostrata efficace nel ridurre le sostanze infiammatorie prodotte a seguito di un trauma, assegnando di fatto al fitness un importante ruolo antidolorifico nei confronti del dolore neuropatico, circostanza in cui (molto spesso) i comuni antidolorifici consentono di ottenere blandi benefici, a fronte di considerevoli effetti collaterali.

La regolare pratica sportiva, e perfino il suo incremento, si sono dimostrati efficaci nel ridurre di circa il 40% lo stato dolorifico attraverso la riduzione nel rilascio di alcune citochine proinfiammatorie.

Il secondo studio riguarda invece un’imponente analisi di dati attraverso la quale è emerso come l’attività sportiva si riveli altrettanto efficace come antidepressivo in soggetti affetti ma malattie croniche più o meno gravi che, inevitabilmente, determinano una condizione negativa sull’umore.

Uno stato depressivo, in queste circostanze, certamente può portare perfino ad un peggioramento della condizione e certamente un crollo verticale della qualità della vita. Secondo l’analisi dei dati con un impegno settimanale di 150 minuti, distribuito in 3 sessioni, si possono già ottenere interessanti miglioramenti volti perlomeno a migliorare l’aspetto sociale dell’individuo riducendo, anche in questo caso, la terapia farmacologica tradizionale.