Il ruolo della genetica sul sovrappeso

Argomento della 385° puntata - 08 ottobre 2019:

Il sovrappeso e l’obesità hanno una serie di concause determinate prevalentemente da fattori comportamentali, tuttavia esiste una componente genetica che predispone alcuni in modo più significativo di altri.

Uno studio recente condotto presso la National Taiwan University, ha valutato quali sono le migliori attività da praticare per contrastare in particolar modo l’obesità e il sovrappeso correlati con un a forte componente genetica.

Lo studio ha coinvolto oltre 18 mila persone di età compresa tra i 30 e i 70 anni analizzando le connessioni tra la genetica individuale e il tipo di attività fisica svolta. Sono stati presi in considerazione diversi parametri comunemente utilizzati per la stima del sovrappeso: l’IMC, la percentuale di massa grassa, il rapporto vita/fianchi.

La disciplina che appare essere più efficace è il running, sebbene vi siano attività forse meno diffuse o ritenute non di immediata correlazione col dispendio energetico che hanno avuto ottimi riscontri come ad esempio le lunghe sessioni di yoga e anche l’arrampicata sportiva. Allo stesso modo discipline molto amate come il nuoto e il ciclismo non sembrano avere effetti significativi nella gestione del sovrappeso con forte implicazione genetica.

D. Considerato che andiamo incontro all’inverno e magari alcune di queste attività diventano più difficili da praticare, ad esempio la corsa, c’è qualche consiglio per svolgerla anche in inverno o delle discipline alternative da fare in palestra?

Ci sono attività tra loro molto simili sotto il profilo fisiologico che tuttavia non hanno la medesima efficacia. Il running e il ciclismo sono ad esempio entrambi lavori aerobici di lunga durata, cui è correlato un buon dispendio energetico. Tuttavia non funzionano entrambe, poichè quando parliamo di implicazioni genetiche entriamo un campo tanto vasto quanto per molti versi ancora poco conosciuto. E ci sono attività fisiche (così come degli alimenti) che possono interferire in vario modo con l’espressione genica, spesso non sappiamo neppure esattamente come questo avviene.

E’ bene quindi suggerire di attenersi a queste attività, scegliendo eventualmente di praticarle in palestra beneficiando di un maggior comfort, sebbene iniziando prima possibile, l’organismo si abitua anche a condizioni climatiche meno favorevoli.

In ultimo, se si riesce ad associare alla corsa anche un graduale lavoro con i pesi si ottimizza in ogni caso il risultato (ma questo è un altro discorso).