Eccesso di peso o carenza di esercizio?

Argomento della 242° puntata - 12-04-2016:

Le parole contano, sono un elemento importante, al punto che per definire lavori e situazioni nel corso del tempo abbiamo trovato soluzioni sempre meno sprezzanti o fastidiose. Non c’è più lo spazzino, ma si è passati dal netturbino all’operatore ecologico, sebbene il lavoro da compiere sia pressochè il medesimo. Relativamente ad alcune limitazioni di tipo fisico non ci azzarderemmo più a definire qualcuno handicappato anzi, il termine ha assunto un’accezione perfino offensiva, e da tempo si è passato al più consono “diversamente abile “. Nulla da eccepire, anzi ben vengano anche queste evoluzioni che, tuttavia, non possono in alcun modo agire nel migliorare una situazione debilitante.

Diverso è il discorso quando parliamo di condizione fisica intesa come stato di fitness di una persona, affermare che qualcuno ha un eccesso di peso è certamente una constatazione interessante, ma non aiuta a risolvere il problema. Se iniziassimo a sostituire il concetto di “eccesso di peso” con “carenza di esercizio ” non solo segnaleremmo la medesima situazione fisica, ma in un colpo solo potremmo segnalare anche la soluzione, riuscendo perfino a rendere meno aspro il giudizio relativo al sovrappeso.

A nessuno infatti piace sentirsi dire che il suo peso è eccessivo, questa constatazione spinge a un senso di chiusura, non parliamo poi se viene segnalato a una mamma che suo figlio ha un eccesso di peso, e infatti spesso anche i pediatri di famiglia si guardano bene dal comunicarlo. Se sostituissimo il termine eccesso di peso con carenza di esercizio sarebbe più facile da accettare e anche da risolvere.

L’idea stessa che qualcosa sia in eccesso e che quindi occorra limitarla, spesso fa venire in mente solo diete e restrizioni, e purtroppo (a proposito di parole) la dieta solo a citarla fa venir fame. Questo non significa che correggere la propria alimentazione non sia importante, ma incrementare l’attività fisica è forse maggiormente prioritario.