Come è difficile ingrassare

Argomento della 198° puntata - 07-04-2015:

Dopo tante puntate trascorse a dare dei suggerimenti su come dimagrire oggi affrontiamo l’argomento opposto, la difficoltà di ingrassare, di raggiungere una condizione di sovrappeso, magari di obesità, e poi mantenerla tutta una vita.
Anzitutto sgombriamo subito il campo, sia chiaro che non si fa riferimento a individui con problematiche ormonali o di altra natura che loro malgrado sono in sovrappeso (sebbene la percentuale di persone grasse per problemi di salute sia di fatto una esigua minoranza, paragonabile a chi si ritrova geneticamente un fisico scolpito pur senza allenarsi).

Ingrassare non è affatto semplice, il nostro organismo fa del suo meglio per evitarlo, attiva una serie di reazioni volte al controllo dell’appetito, cerca di incrementare il metabolismo, si ingegna per la redistribuzione del grasso negli adipociti. Ciò nonostante alcune persone, evidentemente allenate sin da piccole, riescono ugualmente nella difficile impresa di ingrassare e restare grasse, cercando forsennatamente di diventare ogni anno un po’ più in sovrappeso. Al contrario di quanto molti temano o sostengano infatti non basta una singola abbuffata per ingrassare, non è sufficiente un peccato di gola, neppure se commesso ogni giorno, forse potrebbe produrre qualche Kg di troppo, ma risulta assolutamente insufficiente per ingrassare davvero.

No, per ingrassare ci vuole proprio impegno, occorre cercare continuamente degli alibi per non allenarsi, delle scuse per continuare a mangiare per sopperire alla noia, per fingere di essere divertenti a tavola con gli altri, per far finta di non preoccuparsi minimante del propria salute e del proprio aspetto fisico. Un impegno straordinario perpetrato per lunghissimi periodi di tempo, sino a conquistare alla fine la condizione di obesità.

Se tutte le volte che si mangia per pigrizia si trovasse un modo più interessante per trascorrere il tempo, magari per allenarsi, se ogni qualvolta si cerca di convincere se stessi che in fondo “ci si accetta per come si è”, ci si concentrasse piuttosto a convincersi che è il momento di cambiare, alla fine con il medesimo impegno, col medesimo sforzo si riuscirebbe a modificare radicalmente il proprio aspetto. Poichè al di la delle facili ipocrisie buoniste, il sovrappeso è tecnicamente una condizione patologica, come lo è l’alcolismo o il tabagismo, e allora se siete così forti e perseveranti su questo fronte, perchè non provate a cambiare obiettivo?