Combattere la fatica di un allenamento

Argomento della 229° puntata - 12-01-2016:

Una sensazione di forte stanchezza accompagna spesso gli allenamenti e in questo periodo dell’anno anche la scarsità delle ore di luce certamente contribuisce ad aggravare questa sintomatologia. Numerose possono essere le cause di una stanchezza cronica e, per chi si allena con costanza, spesso l’overtraining può essere uno dei principali imputati. E’ una situazione più comune di quanto non si creda, per questo diciamo che un buon riposo è migliore di un cattivo allenamento.

Le ragioni dell’overtraining possono essere numerose, non solo connesse con la frequenza degli stimoli allenanti, ma anche con gli stili di vita comunemente intrapresi. Una alimentazione fortemente restrittiva o drasticamente monotona ad esempio può facilmente indurre in questa situazione. Ma anche una ridotta quantità di riposo notturno, o la frequente assunzione di alcool.

E’ fondamentale riconoscere subito l’overtraining e porvi rimedio. Spesso si associa ad alterazioni del ritmo cardiaco e una sensazione di affaticamento enorme anche a livello psicologico che può presentarsi ancor prima di cominciare. Si cerca di ridurre le sessioni di lavoro, o di eseguire movimenti parziali o con carichi minori.

E’ evidente che in queste circostanze si sta cercando di sostenere un workout che non può più essere gestito. E’ fondamentale correre ai ripari non soltanto con un sano recupero ma, per chi fosse particolarmente ostinato a non mollare, valutando ad esempio un radicale cambiamento nelle modalità con le quali ci si allena, o perfino adottando una disciplina differente.

Ricalibriamo tutto quanto, accertiamoci di dormire una giusta quantità di ore, non saltiamo i pasti, riduciamo alcool e fumo, variamo adeguatamente il nostro allenamento.

Se tutto questo non dovesse bastare… è probabile che più che stanchezza cronica sia una più banale forma di pigrizia.