Aumentare la forza sfruttando il sistema nervoso!

Argomento della 266° puntata - 29-11-2016:

Tutti noi nel corso di un allenamento sollecitiamo la muscolatura cercando di vincere delle resistenze, siano esse fornite dagli attrezzi in palestra, dalla necessità di spostarsi in un fluido, di lanciare, arrampicarsi ecc. In ciascuno di questi casi stiamo utilizzando la nostra forza muscolare.

L’allenamento della forza è quindi essenziale in tutte le discipline sportive, sebbene secondo modalità differenti a seconda dello scopo. La forza è controllata non solo dalle dimensioni dei nostri muscoli, ma in larga misura dal nostro sistema nervoso e, a fare la differenza, può essere proprio il nostro livello di motivazione nel compiere un gesto. Maggiormente siamo motivati, maggiore sarà il potenziale di forza esprimibile.

E’ infatti facilmente riscontrabile come nella vita di tutti i giorni usiamo in larga misura livelli di forza, o se preferite di attivazione muscolare, assai ridotti e, ogni volta che l’impiego della muscolatura diviene più impegnativo abbiamo bisogno di una reale motivazione, una forza di volontà crescente.

Allo stesso modo sarà capitato a tutti di notare un grande divario in palestra tra giorni in cui siamo particolarmente carichi e quindi capaci di allenamenti importanti e giorni in cui mentalmente non riusciamo a trovare la giusta forza di volontà, con ripercussioni anche sulla performance muscolare.

Ebbene tutto questo ha a che vedere proprio con la motivazione, un parametro apparentemente secondario ma invece fondamentale per consentire di esprimere con efficacia i nostri livelli di forza e quindi permettere di realizzare allenamenti che siano sempre efficaci.

Se tutto quello che stiamo svolgendo sotto il profilo allenante ci appare corretto e, malgrado questo non riusciamo a ottenere i risultati sperati, è probabile che la causa sia un basso livello di motivazione. Le ragioni possono essere molteplici e talvolta facilmente risolvibili.

Anche la scelta di attività che riteniamo coinvolgenti, o l’uso di attrezzi che ci appagano maggiormente è un utile strumento motivazionale, sebbene la presa di coscienza dei risultati già ottenuti è probabilmente la principale leva che ci gratifica, ci appaga e ci spinge a fare meglio. Per questo motivo sarebbe opportuno dedicare qualche minuto del proprio tempo anche ad “apprezzare” i risultati già ottenuti, magari poco prima di iniziare l’allenamento. Non è una forma di vanità ma un utile strumento per vincere quelle resistenze psicologiche che alimentano una inibizione muscolare di tipo fisiologico.

Leggi ancheAllenamento della forza: come avvicinarsi alla capacità massima assoluta.