Alimenti sciogligrassi: bufala o realta’?

Argomento della 148° puntata - 11-02-2014:

Gli alimenti sciogligrassi rappresentano un vero tormento da che il genere umano ha deciso (giustamente) di dichiarare guerra al sovrappeso.
Peccato che un intento tanto nobile si voglia perseguire con la principale azione che porta ad ingrassare: mangiare! Così di volta in volta, ora l’ananas, ora il limone, ultimamente anche il miele, il peperoncino, il caffè e tanti altri alimenti e bevande vengono ritenuti sciogligrasso, quindi (come il nome lascerebbe intendere) capaci di indurre un dimagrimento ottimizzato con quello che è il sogno di ogni persona: dimagrire mangiando.

Purtroppo come tutte le cose troppo belle per essere vere, anche in questo caso occorre smentire categoricamente l’idea di un cibo capace di far dimagrire o di sciogliere i grassi. I processi metabolici che avvengono nel corpo sono qualcosa di assai complesso, e se è vero che molti degli alimenti ritenuti sciogligrasso hanno delle virtù interessanti, spesso implicate con l’indurre più rapidamente il senso di sazietà, o nel determinare un più agevole processo digestivo, non vi è nulla che sia neppure lontanamente vicino al concetto di prodotto sciogligrassi.

Anche perchè, posto che i grassi vengano “sciolti” (sarebbe meglio dire mobilizzati) poi occorre anche che questi stessi grassi vengano utilizzati a scopo energetico, ossia occorre allenarsi seriamente invece di cercare inutili scorciatoie.

Ricordate che gli unici alimenti che non fanno ingrassare sono quelli che non vengono mangiati.