4 cause del sovrappeso (e una possibile soluzione)

Argomento della 284° puntata - 04-04-2017:

Siamo tutti (o quasi) ossessionati dal sovrappeso, il desiderio di dimagrire è al vertice dei desideri degli Italiani, al punto che una recente ricerca europea ha dimostrato che siamo proprio noi ad avere il rapporto maggiormente maniacale con il corpo, una vera ossessione che porta il 77% dei connazionali ad essere condizionati dal giudizio della bilancia, sino ad un 20% di persone che confessa di pesarsi ogni giorno, soprattutto tra le donne. La stessa ricerca evidenzia come a fronte di un sostanziale bisogno di tornare in forma, la grande maggioranza degli intervistati abbia le idee confuse e non sappia come intervenire per porre rimedio ai kg in eccesso.

Una cosa è certa, di fronte a qualsiasi problema se non si individua la causa non è possibile mettere in pratica alcuna soluzione. Non è un caso che professionisti (e non) di ogni settore dichiarino di avere in mano il rimedio corretto. I medici continuano a dirci di fare le scale invece di usare l’ascensore, i nutrizionisti ci consigliano di metterci a dieta, gli esperti del fitness dicono che non ci muoviamo abbastanza, gli psicologi sono convinti che sia un problema emotivo o legato a disturbi del comportamento alimentare, sino ad arrivare ai truffatori veri e propri che vorrebbero risolvere il problema con creme, pastiglie, the verde e beveroni disintossicanti.

Ma chi ha davvero ragione? Qual è la causa del nostro sovrappeso? Escludendo i pochissimi casi in cui il problema è di natura fisiologica e ormonale, le ragioni sono multifattoriali ma potremmo raggrupparle in 4 gruppi principali: mangiare troppo, mangiare male, allenarsi poco, farlo in modo inefficace. Quello che cambia da soggetto a soggetto è il “dosaggio” di ciascuno di questi fattori e le ragioni che spingono su tale strada.

Il primo passo verso una possibile soluzione è proprio cercare di comprendere quali di questi elementi sta giocando il ruolo principale e iniziare a intervenire su di esso sino ad averlo risolto, e per farlo occorre iniziare ad essere sinceri con se stessi, chiedersi se davvero si mangia poco (come andiamo raccontando agli altri) e quali sono gli alimenti che più spesso compaiono sulla nostra tavola, se ci stiamo allenando con il giusto spirito e impegno, o se ci limitiamo a recarci in palestra alla ricerca di un alibi in più.

Se non iniziamo a essere sinceri sino in fondo, non soltanto non troveremo soluzione, ma finiremo presto o tardi vittime di quella categoria di truffatori di cui parlavamo prima capaci però di far dimagrire solo il portafoglio.